DI DOLORI INDICIBILI

A volte la vita infligge dolori troppo grandi, che ti levano il fiato. E sembra impossibile trovare speranza, tornare a vivere davvero. Alcuni anni fa io avevo perso la speranza, pensavo di non volere più il bambino che aspettavo perchè temevo che, nascendo troppo presto, avrebbe potuto avere un`infinità di problemi, che io non avrei […]

Continue reading →

INFERMIERI E MAMME DEI PICCOLI RICOVERATI: TRA PROFESSIONALITÀ E EMPATIA

Non è stato troppo difficile per me raccogliere le idee quando una carissima amica mi ha chiesto di portare una testimonianza alla facoltà di scienze infermieristiche mettendo a fuoco soprattutto quello che una mamma si aspetta dagli infermieri quando ha un bambino ricoverato per lungo tempo in condizioni critiche. Nei 5 mesi passati con il […]

Continue reading →

VOLTARE PAGINA

Ho capito che una delle cose più importanti nella vita è imparare a voltare pagina, gli psicologi direbbero forse a “lasciare andare”. In fondo, lo scorrere dei nostri giorni è fatto di fasi e quando si hanno dei bambini poi le fasi sono scandite dal passare degli anni scolastici, dagli appuntamenti con le feste di […]

Continue reading →

LA PARTENZA PER LA “SCUOLA NATURA”

Sono partiti questa mattina, piccolini ed emozionati, con zainetto e valigia. Si tratta solo di tre giorni di “Scuola Natura”, ma per un attimo, mentre guardavo il mio bambino salire sul pullman, tre giorni mi sono sembrati un tempo lunghissimo. In fondo, hanno 5 anni. E sono i nostri bambini, ci sembrano ancora totalmente dipendenti […]

Continue reading →

Spartiacque

Oggi è una giornata un po’ particolare,  e io e Alessandra abbiamo deciso di scrivere insieme, su entrambi i nostri blog, qualcosa delle nostre storie, diverse, ma tanto vicine, perché spartiacque delle nostre vite e di quelle intorno a noi. Le tre settimane che ci separano, sono tutto ma anche niente. Grazie Alessandra di avermi regalato un pezzetto di […]

Continue reading →

Il temporale

E’ stata colpa del temporale. L’avete visto? Un’ora fa, più o meno, c’è stato un’acquazzone di quelli che ti costringono a riparati ad aspettare che passi, mentre qualche venditore cerca di farti comprare l’ennesimo ombrello. Oggi sono andata all’ospedale a trovare una cara amica che ha avuto un bambino. Ho fatto trepidante la salita che […]

Continue reading →