GIRANDOLO: IL SEGGIOLONE DI DESIGN DI STEFANIA OMODEO CHE SI TRASFORMA

Girandolo: il seggiolone in legno naturale che diventa un gioco e un`opera d`arte

Girandolo: un seggiolone che diventa un gioco e anche una piccola opera d’arte progettato da una mamma designer, Stefania Omodeo, per sua figlia Sofia. Il classico seggiolone è molto ingombrante: per questo Stefania ha pensato di creare un oggetto da utilizzare in più momenti della giornata e per funzioni diverse, un oggetto utile durante i pasti per mangiare, ma anche per disegnare, sedersi, dondolarsi…

Girandolo è realizzato in pioppo naturale, un legno leggero e di grande bellezza. È tagliato a controllo numerico direttamente in segheria e rifinito a mano. Stefania segue direttamente il processo di finitura, confezionamento e spedizione, oltre, naturalmente, alla comunicazione e la promozione. Le vernici sono prodotte in Italia esclusivamente con materie prime vegetali e minerali.

Per semplificare il montaggio e la sostituzione di pezzi di ricambio, i componenti interni sono identici a due a due (due ripiani quadrati, due listelli piatti, due bastoni) e gli elementi di fissaggio sono posizionati in modo da renderli intercambiabili. L’imballaggio piatto, inoltre, permette di ridurre l’ingombro dell’80%, con notevoli risparmi su imballo, spedizione e immagazzinamento.

Svariati test di stabilità con gli enti certificatori TUV e ICQ, garantiscono la massima sicurezza di Girandolo.

Girandolo ha avuto grande successo in Italia e all`estero: è stato presentato al FUORISALONE di Milan week design 2012, nello spazio di design per bambini KidsRoomZoom! Poi, su invito degli organizzatori, è arrivato al PITTI Bimbo di Firenze, al SANA di Bologna, A FaLaCosaGiusta a Milano, a Torino per OPERAE e PARATISSIMA e infine al Kind + Jugend di Colonia, la principale Fiera internazionale dedicata all’infanzia, nel padiglione del design innovativo. Girandolo è stato anche alla Triennale, nell`ambito della X edizione di Giro Giro Tondo Design for Children – Triennale Design Museum.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *