Le amiche della Terapia Intensiva Neonatale

Le amiche che si trovano i Terapia Intensiva Neonatale sono per sempre, ne sono sicura. Si creano in quel mondo rapporti unici, amicizie vere, profonde, dall’affetto infinito. Legami indissolubili, che solo nella condivisione di un’asperienza così forte, difficile e dolorosa possono nascere.

Ci siamo abbracciate con lo sguardo la prima volta che ci siamo viste nella Tin.
Abbiamo saputo quando parlarci,
e quando restare in silenzio.
Abbiamo capito quando chiedere,
e quando lasciar perdere;
in certi momenti ci siamo fatte coraggio e consolate,
altre volte sapevamo che era meglio passarci accanto in silenzio.

Ci siamo abbracciate,
ma abbiamo anche intuito quando volevamo restare da sole.
Abbiamo saputo consolarci, capirci, ascoltarci,
ci siamo state l’una per l’altra, ma solo quando dovevamo esserci.

Ci siamo preoccupate quando i nostri bambini stavano male,
e siamo state felici quando qualcuna di noi se ne è andata
con il proprio bambino,
e ci siamo anche un po’ commosse.

Forse ci perderemo di vista,
ma siamo diventate amiche.

E quando saremo tutte fuori di lì,
ci porteremo in giro un cuore un po’ più pesante.
Un po’ più grande.
Pieno di storie.
Pieno di bambini.
E di vita.

Per altri post su Amiche Terapia Intensiva Neonatale e Prematurità vai alla sezione dedicata.

Ho raccontato la storia mia e del mio bambino e tutto il mondo della Terapia Intensiva Neonatale in un mio libro uscito nel 2019: Il nido di vetro. Una piccola storia d’amore, uscito per Edizioni San Paolo.