Cose che mi mancheranno di Milano parte 3

# Le ondate improvvise e intense di profumo di gelsomino che a Milano non ti aspetti

# Il fermento di gente e locali del primo giorno di sole sui Navigli che ti dice che sta scoppiando l’estate

# I ciottoli e il pavé con i binari che con i tacchi guai, ma è bello cosí.

Milano non è una città sfacciatamente bella, ma è fatta di tanti piccoli angoli da scoprire, piccoli pezzetti di mosaico che ti entrano nel cuore. Milano ha tante cose belle da offrire: scorci indimenticabili, cortili e giardini segreti e magici, opere d’arte e musei ricchi di gioielli, palazzi antichi e, oggi, anche quartieri modernissimi di specchi e grattacieli. Ristoranti e locali alla moda, non proprio economici ma sicuramente per tutti i gusti, negozi dei grandi marchi e vie dello shopping, ma anche mercati e piccole attività commerciali dove cercare cose carine senza spendere un capitale. 

Per non parlare delle attività che offre per bambini di tutte le età: non sono tante le città a poter vantare un Museo dedicato eslusivamente a loro come il Muba!

Da quando ho iniziato a vivere a Milano è cambiata tanto e, in u mondo in cui tutto ci sembra sempre cambiare un po’ in peggio, la nostra città ha saputo cambiare in meglio, riqualificare ampie aree, aprire nuovi musei, diventando una delle città più dinamiche d’Europa dal punto di vista culturale.

Quando in un posto ci vivi, non pensi alle cose che ti mancheranno, anzi, sei più concentrato su tutto quello che non va. Ma quando pensi che a breve la città dove hai vissuto tanti anni la dovrai salutare, almeno per un po’, ecco che, solo allora, ti rendi conti conto di amarla davvero.

Quando si lascia Milano si perde il piacere della ricerca del bello, della scoperta delle piccole cose che ci fanno stare bene. E guai a chi dice che a Milano non c’è niente da vedere!

Per altri post su Milano, vedi il Blog di Giuliana.