Harry ti presento Sally

"Harry ti presento Sally" ha compiuto 30 anni.

“Harry ti presento Sally” ha compiuto 30 anni. E riesce ancora a farci ridere, sognare e pensare.

Saranno i dialoghi divertenti, saranno i due bravi attori Meg Ryan e Billy Crystal o le scene indimenticabili, sarà che si tratta di una delle commedie romantiche più riuscite di sempre, ma in questi giorni mi sono soffermata un po’ sugli articoli relativi al trentesimo compleanno di “Harry, ti presento Sally”.

Trenta anni fa significa all’inizio della mia adolescenza. Questo mi fa sentire da un lato veramente vecchia, perché mi sembra di aver visto appena ieri per la prima volta la commedia che poi tutti abbiamo guardato e riguardato all’infinito, e un po’ mi fa anche riflettere su come siamo cambiati.

Meg Ryan e Billy Crystal, i due protagonisti, si sono ritrovati per festeggiare trenta anni di successo di una commedia sulla quale né loro né i registi avevano scommesso così tanto. Anche loro sono invecchiati, direi bene se non fosse per la chirurgia estetica alla quale la splendida Meg Rayan si è un po’ troppo lasciata andare.

Leggendo qui e là ho scoperto un po’di curiosità, tipo che la signora che chiude la famosa scena dell’orgasmo simulato di Meg Ryan chiedendo al cameriere “quello che ha preso la signorina” era la mamma del regista Rob Reiner o che, udite udite, il finale era stato pensato diverso, con Harry e Sally che non si mettevano insieme, arrivando così alla conclusione che sì, è possibile essere amici per un uomo e una donna senza che il sesso ci metta lo zampino. Del resto pare che la sceneggiatrice Nora Ephron e il Regista Rob Reyner, si siano ispirati proprio al loro inossidabile rapporto di amicizia. Proprio verso la fine della produzione però Reiner si è innamorato di una fotografa che è poi diventata sua moglie (ma che non credo sia mai stata sua amica) e ha deciso per il finale romantico, il cui apice è la frase epica pronunciata da Harry la notte di Capodanno: “Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita inizi il più presto possibile”.

Ma noi, che tanto abbiamo dibattuto allora su questo tema, trent’anni dopo, a che conclusione siamo arrivate? Essere amici senza altri risvolti è possibile davvero per un uomo e una donna?

Da ragazzine forse abbiamo pensato di no, oggi però direi proprio di sì, certo che è possibile.

Negli anni abbiamo imparato che l’amicizia in generale, e quindi anche con un uomo, è preziosa, talvolta anche più di un amore. Anche perché un amico vero ci aiuta a capire almeno un po’ l’universo degli uomini che invece nostri amici non sono, ma sono amori, fidanzati, mariti e simili.

Certo, non sono tantissimi, ma un paio di amici, proprio solo amici, con cui non ci sono mai stati pensieri di altro tipo da parte di nessuno dei due (almeno credo) li ho, e sono tra le persone a cui tengo di più. Dubito che potrebbe mai esserci un cambio di finale, alla Harry ti presento Sally. In ogni caso, qualunque sia  la nostra idea sui rapporti di amicizia tra uomini e donne, quella commedia riuscirà sempre a farci sognare e anche divertire. Proprio come i nostri migliori amici.


A proposito di film divertenti e di migliori amici, vai al post del Blog di Giuliana Il matrimonio del mio migliore amico.

One thought on “"Harry ti presento Sally" ha compiuto 30 anni.

  1. concordo quando è uscito il film mai avrei pensato di avere amici maschi, adesso non ne ho tantissimi ma qualcuno ed è stupendo avere il punto di vista maschile molto diretto e meno arzigogolato del nostro!

Comments are closed.