Inserimenti alla materna continuano…

Tra una cosa e l’altra l’inserimento alla materna del mio piccolo è andato per le lunghe.
Ci mancava una settimana di stop causa punti sulla mano.
Questa settimana sta andando tutti i giorni nel (comodissimo, oserei dire!) orario 10.30 (!!) – 13.45.
In pratica, dopo aver accompagnato il fratello alle 8.30, il nanetto ha due ore da aspettare.
A casa si annoia, mangia biscotti e simili, si mette a giocare e poi…via!
Si va all’asilo!
Chiaro che la voglia di uscire si è bella che esaurita, mentre la mia mattinata è andata.
Chiaro anche che mi riferiscono che mangia poco.
E poi mi hanno anche un po’ cazziata perché non l’ho reso autonomo a bere con il bicchiere.
E’ vero, mea culpa, ammetto che spesso e volentieri (quasi sempre) usavo la tazzina con il beccuccio,
perché avendo lui una sete tipo sono-da-tre-giorni-nel-deserto ama tracannare acqua e più non posso e con il bicchiere si sbrodola sempre.
Avete presente quelle sere in cui, tipo cinque minuti prima della nanna, già con il pigiamino, il piccolo ha sete? Ecco, appunto, con il bicchiere segue di solito regolarmente asciugatura con phon (mamma mi scotti, ok, togliamo la maglia allora, ops, è bagnata anche la canottiera, e vai di phon ancora).
Quindi, anch’io, che sulla carta sono una paladina dell’autonomia dei bambini, ho, in questo caso, rinunciato a renderlo adeguatamente autonomo per semplice comodità e pigrizia. Che roba.
Da ieri stiamo facendo un corso accelerato di sorsi da bicchiere.
Sta già facendo passi da gigante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.