Le elementari alle porte

E’ vero che manca ancora qualche mese,
e in mezzo c’è l’estate,
per i bambini un periodo lunghissimo, di crescita e cambiamento,
ma io inizio ad agitarmi.
Ormai ci siamo, non ci sono dubbi.
Ogni tanto mi riguardo la mail del ministero, non si sa mai.
Sì sì, mio figlio è proprio iscritto alle elementari.

Questa mattina mi ha detto che lui con l’asilo vuole chiudere il ciclo di studi
e vuole andare a lavorare.
Guidatore di scavatrici o cuoco, deciderà, pare, quest’estate.
Comunque di andare a scuola non se ne parla.
Anche perché a scuola non ci sarà con lui nessun amichetto dell’asilo.
Quindi sarà destinato, secondo lui, a non avere mai più amici.
Una vita di solitudine, scavatrici e fornelli.

Davanti ai suoi timori io faccio quella che
figurati, sarà bellissimo alle elementari, imparerai un sacco di cose, 
e comunque anche per guidare le scavatrici o cucinare leggere, scrivere e far di conto ti serve.
Ti farai anche un sacco di amici, ovviamente.

Dentro di me, però…sono molto meno pronta di lui.
Questa è la verità.
A volte penso che non troverò mai più delle amiche mamme meravigliose come quelle dell’asilo,
e sarò una mammaamilano tutta sola,
con il figlio in giro per cantieri o cucine.
E poi mi rendo conto che è un bel salto, accidenti.

Lui non sarà più il bambino piccolo che è stato e gli anni della prima infanzia non torneranno.
In passato, in certi momenti, avrei pensato…’che sollievo!’,
ma ora non nasconderò proprio a voi un po’ di malinconia.

 

Lui non lo so, ma io, per le elementari, non mi
sento pronta. Possibile che siano già alle porte?
E mi chiedo: a cosa sono valsi questi anni?
Sono
riuscita a combinare qualcosa di buono con lui?
E, adesso che lui mi sembra
così grande, io, come donna e mamma, a che punto sono arrivata con me stessa?

Mah…ha ragione ancora una volta mio marito,
che quando ha visto un inizio, ma proprio un inizio di commozione da parte mia,
(una roba minima, impercettibile, che non so come abbia fatto a notare!)
quando ho ricevuto la mail del Ministero,
mi ha guardata come fossi matta.

3 thoughts on “Le elementari alle porte

  1. sappi che tutto quello che hai scritto è normale, normalissimo. L'ho provato anche io lo scorso anno e continuo in parte a provarlo ora che la I elementare sta finendo. è un momento importante per tutti e due. io poi sono molto facile alla commozione e proprio per questo il primo giorno di scuola mio figlio mi ha detto "tu che hai la lacrima in tasca, vedi di non piangere anche oggi". con un enorme sforzo ce l'ho fatta, ma appena uscita dalla classe….bè immagina un po'…

  2. Mi sembra ieri che il Padawan stava per iniziare la prima elementare e a settembre sarà alle medie. Il tempo vola, ma ogni età porta nuove cose meravigliose da vivere insieme e tanti bei ricordi.

  3. ai cambiamenti non ci si abitua mai ….soprattutto noi mamme …perchè crediamo che i nostri bambini non siano pronti ai cambiamenti. in realtà è un bel passo per loro… un po' meno per noi che dovremmo seguirli nei compiti e quant'altro.
    Anche Zoe comincia a settembre… e la cosa mi spaventa un pochino… ma il suo entusiasmo è travolgente e alla fine mi ci butto a capofitto e vado avanti. questa è una grande dote di una mamma TIN.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.