L’incendio

Sì sì, avete letto bene.
E non si tratta di un incendio metaforico,
ma di un incendio vero scoppiato sul mio balcone.
Un segno del destino tutto per me:
il lavoro degli armadi, famoso tormentone di tutte le mamme e non in questo periodo,
io non lo dovrei mai fare.
Qualche tempo fa, approfittando di una giornata di sole,
rarissima in questa piovosa primavera milanese,
mi sono messa sotto:
maglioni di mio marito, camicie (quelle belle, fatte su misura, così ho almeno un paio di camicie serie),
vestitini nuovi dei bimbi,
e…gran parte della celeberrima lingerie acquistata qualche mese fa in occasione dei saldi,
che sì, sarà pure stata scoordinata,
ma una fine del genere non se la meritava lo stesso.

Il piccolino si era appena svegliato quando un inusuale scampanellio accomgnato da urla della portinaia mi ha spinta a correre alla porta.
Appena ho aperto, lei si è fiondata in casa e è corsa in cucina.
Ha afferrato una pentola, l’ha riempita d’acqua e ha aperto la finestra.
E’ entrata in cucina una folata di cenere.
Guardo fuori: scenario apocalittico.
Del mio bucato non era rimasto nient’altro che qualche molletta sciolta
e qualche brandello di stoffa nera.
Volavano per il cortile asciugamani infuocati della signora del piano di sopra.

Passato il panico iniziale, si è chiarito tutto.
Sembra che dei simpatici fabbri stessero saldando una ringhiera al piano di sopra.
E una scintilla ha fatto il resto.
“Mi dispiace”, mi ha detto il fabbro con aria affranta.
E poi, un grande classico: “l’importante è che i bambini non si siano fatti male”.
Bè, questo è certo.
Ma tra poco mi viene un infarto.
La portinaia poi ha perso cento anni di vita.

Quella sera, dopo aver fatto una lettera per l’assicurazione, con il conto dei danni
(ecchecavolo, pure la lingerie quasi nuova…!!!),
mi sono sforzata di trovare un lato positivo:
il programma di quella sera prevedeva ore e ore di stiro.
Programma saltato, cambio degli armadi rapido e indolore.

4 thoughts on “L’incendio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.