LO “TSUNAMI” DI MARTEDI’ SCORSO

Con Alessandra di Faccio Quello che Posso siamo andate all’incontro in De Agostini con Alberto Pellai e Barbara Tamborini, per chiacchierare con altre mamme del loro nuovo libro “L’età dello tsunami. Come sopravvivere e un figlio pre-adolescente”.

Io non sono ancora molto preparata, ma non manca molto neanche per me. Tra poco lo tsunami della pre-adolescenza spalancherà la porta anche di casa nostra e da una settimana ci sto pensando con non poco panico. Non ho fatto domande, il tempo è scivolato via in un attimo, mentre pensavo al fatto che mio figlio grande ha 9 anni: è proprio lì, un paio di annetti al massimo e ci siamo dentro in pieno.

Le differenze tra la nostra pre-adolescenza, fatta di corse in bici, di telefoni a gettoni e telefonate al ragazzino che ci piaceva dalla cabina telefonica, sono tante, tantissime, e quindi non si può farsi trovare impreparati. Quello che resta uguale sono le difficoltà, a quell’età, nella percezione del confine, la scarsa capacità di autoregolazione e quindi la propensione a cacciarsi nei guai. Tranne che oggi il mondo ci appare più insidioso, con la sua tecnologia, inevitabile compagna dei nostri figli, con la sua fluidità, con la sua fretta, la sua tendenza a bruciare le tappe.

Quale sarà il giusto equilibrio tra il giusto diritto di esplorare dei ragazzi e il nostro dovere di protezione? Quale il punto perfetto dove si incontrano il controllo che noi genitori dobbiamo esercitare e l’autonomia che dobbiamo iniziare a concedere per permettere ai figli di crescere? (Probabilmente a questo pensavo quando nella foto di gruppo ho chiuso gli occhi!).

I temi sul tappeto erano davvero tanti in quella sala della De Agostini. E anche le riflessioni che sono seguite all’incontro.

In effetti, anche leggendo il post della mia compagna di avventura Alessandra, mi sono detta che sarà il caso di essere tutti sotto lo stesso tetto, per l’arrivo dello tsunami, ponendo fine al pendolarismo del papà, che, immagino, abbia un ruolo chiave in quella fase.

E poi, come sempre (per parafrasare il bel titolo di Alessandra), farò quello che potrò, tutto, ma proprio tutto quello che potrò.

 

2 thoughts on “LO “TSUNAMI” DI MARTEDI’ SCORSO

  1. Ciao!
    C’erano dei papà all’incontro?
    La loro presenza sarebbe auspicabile…
    Nelle coppie più giovani vedo una maggiore partecipazione dei “maschi”, ma negli over 40 il numero cala moltissimo.

    1. No, M, papà non ce ne erano. Bisogna però dire che l’incontro era organizzato per “mamme Blogger”. Anche tra i blog che parlano di genitorialità, comunque, i papà latitano 🙂
      Concordo con il fatto che i papà più giovani partecipino in generale di più alla gestione dei figli…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.