Limiti ai figli perchè darne? – 1° parte

Articolo sull’importanza di dare dei limiti ai figli della Dott.ssa Zaira Salemi, partner di Mamme a Milano. Vai alla scheda completa per scoprire le condizioni riservate ai possessori di MaMCard

Perchè è di vitale importanza per un genitore imparare a dare dei limiti ai propri figli e a farli rispettare?

A cosa serve? Cosa imparano dai limiti?

“Va beh… anche se la regola è lavarsi le mani prima di mangiare, non fa niente se non lo fa sempre… morirà mica per questo?” – Ovvio che no, non morirà! Le conseguenze importanti non sono quelle che riusciamo a vedere sul breve periodo ma sono quelle che osserveremo sul lungo periodo quando si ritroverà da solo nella comunità.

Se un bambino non impara da piccolo in famiglia, ovvero nell’ambiente protetto, a rispettare le regole dovrà necessariamente farlo fuori di casa, nell’ambiente in cui vivrà (scuola, gruppo di amici, lavoro, ecc.) e immaginerete bene che gli estranei non useranno i guanti bianchi per insegnare le regole ai nostri figli.

Ecco tutto ciò che i bambini imparano e perché hanno bisogno di limiti e regole:

  • Per imparare ad ASPETTARE (i bambini NON nascono con questa capacità… bisogna che la apprendano e siamo proprio noi genitori a dovergliela insegnare)!
  • Per imparare a TOLLERARE LA FRUSTRAZIONE (di qualcosa che non è andato come avrebbero voluto)
  • Per imparare FINO A CHE PUNTO POSSONO INSISTERE per intervenire sull’ambiente e sulle persone
  • Per imparare ad ACCETTARE CIO’ CHE NON SI PUO’ CAMBIARE
  • Per imparare la CONTRATTAZIONE e il RISPETTO DEGLI ALTRI nella gestione del conflitto
  • Per imparare che ESISTONO DELLE CONSEGUENZE (positive o meno) alle proprie azioni
  • Per imparare qual è il loro SPAZIO D’AZIONE (il mondo è molto ampio per loro e delimitarne le aree in cui potersi muovere li aiuta a sviluppare spazi d’azione sempre più grandi)
  • Per sviluppare ASPETTATIVE REALISTICHE riguardo agli altri e all’ambiente in cui vivono

E quali sono le CONSEGUENZE che osserveremo sul lungo periodo se il bambino non sviluppa queste capacità?

continua a leggere la 2° parte qui