This Is Not Consent: un movimento che ci riguarda | MaM
il Blog di Giuliana

This Is Not Consent: un movimento che ci riguarda


Intorno all’ashtag This Is Not Consent si è formato un vero e proprio movimento che rivendica il diritto di tutte le donne di vestirsi come vogliono, senza per questo esserte ritenute provocatrici anzichè vittime in caso di violenza.

E così succede nel 2018 in un Paese che tutti riteniamo civile, che lo stupratore di una ragazza di 17 anni venga assolto non perchè innocente, non perchè accusato ingiustamente, no. Ma perchè la vittima indossava un tanga di pizzo: troppo sexy, troppo provocante e, dunque, senza dubbio, tacita dichiarazione di consenso. In realtà, ThisIsNotConsent.

In sostanza, chi ama indossare lingerie di pizzo, lo fa nella speranza di essere aggredita sessualmente per la strada. Eh, certo.

Le donne irlandesi sono scese in piazza, mostrando mutandine di tutti i colori, i tessuti, le fogge. Le hanno messe sulle scale del tribunale di Cork, dove è stata pronunciata la sentenza,  e una parlamentare le ha anche sventolate in Parlamento. Sui social l’ashtag #thisisnotconsent sta spopolando.
Penso però che pure i maschi dovrebbero indignarsi e scendere in piazza insieme alle loro madri, mogli, compagne e figlie. Vengono presentati da questo giudice ottuso come delle bestie, dominate dall’istinto. Creature primitive che di fronte a una mutandina di pizzo non sono più in grado di intendere e volere.

Ora, io mi chiedo come debba essersi sentita quella ragazzina quando in tribunale sono state mostrate le sue mutandine. Perchè insomma, parlare della propria biancheria intima è imbarazzante, lo è anche per me mentre scrivo.

Figurarsi cosa può significare per una ragazzina vederle sbandierate in tribunale per sancire la sua colpa: semplicemente, quella di non essersi infilata delle mutandone nella speranza di evitare uno stupro.

Cose da pazzi, amiche mie.

E qui lo confesso, come già tempo fa: adoro la lingerie di pizzo. E non perchè spero che qualcuno mi salti impunemente addosso per la strada, ma semplicemente perchè mi piace, perchè mi fa sentire bene: una concessione alla mia femminilità, per me. This Is Not Consent.

Per altri post vai al Blog di Giuliana.