Ritardo volo: gestire l’attesa in aeroporto e richiesta di rimborso

ritardo volo aereo
Se vuoi condividi questo articolo

Un’attesa prolungata in aeroporto per un ritardo volo può essere un vero incubo se non siamo preparate, soprattutto se abbiamo uno o più figli, anche piccoli, con noi. Ecco 5 modi per gestire l’attesa con i bambini e procedere velocemente alla richiesta di rimborso.

Anche quest’estate è stata complessa, come spesso avviene nelle alte stagioni, per le compagnie aeree e, di conseguenza, anche per molti viaggiatori; tra scioperi del personale di importanti compagnie, cambi di rotte o cancellazioni a causa di calamità naturali e problemi aeroportuali di altra natura, molti sono rimasti vittime di ritardi e cancellazioni.

Sappiamo che quando a subire questi problemi sono famiglie o gruppi con bambini tutto diventa più complesso e spesso dimentichiamo (o ignoriamo) che abbiamo molti diritti cui appellarci.

Prima di darti alcune idee su cosa fare in aeroporto per gestire il tempo e la richiesta di rimborso in caso di ritardo volo, è importante sottolineare che i cittadini europei sono tutelati dal regolamento regolamento CE 261.

Come spiega bene il portale di AirHelp sul ritardo volo il rimborso è solo il primo dei possibili diritti del passeggero: infatti per ritardi superiori alle tre ore e per cause dipendenti dalla compagnia aerea, si ha anche diritto ad un risarcimento che va dalle 250 alle 1500 euro a seconda della tratta da percorrere.

Ma adesso illustriamo 5 cose da fare nell’attesa in aeroporto in caso di ritardo volo e, contemporaneamente, procedere alla richiesta di rimborso.

1 Consultare gli assistenti di terra

Parlando ancora di diritti del passeggero, il primo di cui siamo titolari in caso di ritardo è di essere dettagliatamente informati su che cosa sta accadendo.

Leggere sul tabellone il ritardo accumulato o ascoltare gli annunci di ritardo non è sufficiente e abbiamo il diritto di recarci al desk della compagnia e chiedere nel dettaglio a che cosa è dovuto il problema.
Dalle cause del ritardo, che sono quasi sempre dipendenti dalla compagnia (manutenzione velivoli, pulizia a bordo, scioperi del personale ecc.) possiamo capire se abbiamo diritto ad un risarcimento oltre che al rimborso.

2 Trascorrete un po’ di tempo in una zona ristoro dell’aeroporto… a spese della compagnia aerea

Sappiamo che i piccoli e gli adolescenti dopo un po’ diventano impazienti e intrattabili: inutile torturarli restando in coda al gate ad attendere. Nelle ore di attesa tutti i passeggeri hanno diritto all’assistenza, che si traduce tra le altre cose nell’avere cibo e bibite gratis.

Dunque andate insieme in un’area ristoro dell’aeroporto e prendete da mangiare e da bere. Un modo per ingannare il tempo… ma non solo.
(Ovviamente conserva tutti gli scontrini e i titoli di viaggio per avere il rimborso direttamente in aeroporto di quello che avete consumato).

3 Entrare nella App di AirHelp e inserisci i dati del tuo volo

In modo del tutto rilassato, tra un tramezzino e un’aranciata, scarica la App di AirHelp, azienda leader nel campo dell’assistenza ai passeggeri aeroportuali in tutto il mondo.

Inserendo i dati del tuo volo e dando alcune piccole specifiche sul problema che stai subendo avrai in tempo reale una stima del rimborso/risarcimento cui hai diritto e delle chiare indicazioni sui passi da seguire per ottenere tutto senza stress.  

4 Potresti aver diritto ad una notte in hotel gratis: approfitta di questo vantaggio

Se il vostro volo ha un ritardo superiore alle cinque ore o se la compagnia vi propone un volo sostitutivo, così detto “riposizionamento”, e se questa opzione prevede un’attesa nelle ore notturne, la compagnia ha l’onere di pagarvi il pernotto in un hotel vicino all’aeroporto, facendosi carico anche del transfer.

5 Non perdere la calma, un ritardo può capitare

Mantenere la calma e farsi vedere positivi è contagioso ed è un modo per far sì che i malumori causati dal problema non “intossichino” il mood del resto del viaggio.
Non solo: restare calme è un modo per restare presenti a noi stesse, non smarrire oggetti e documenti (tra cui scontrini e titoli di viaggio, indispensabili per avere i nostri rimborsi) e per relazionarci in modo calmo ma assertivo con il personale che ci deve spiegazioni e anche soldi.


Per altri posta vai alla rubrica Go Around & Travel


Se vuoi condividi questo articolo