La magia dei Supereroi Acrobatici per i bambini ricoverati

SEA-Supereroi-Acrobatici

SEA Supereroi Acrobatici è un’associazione senza scopo di lucro che dal 2016, grazie ai suoi volontari di EdiliziAcrobatica, si impegna nella realizzazione di iniziative volte a portare magia e adrenalina ai piccoli pazienti ricoverati negli ospedali pediatrici italiani ed accoglie ad accogliere tutte le richieste di intervento dei Supereroi da parte di ospedali, case di cura, residenze per anziani e associazioni di volontariato.

Tutto nasce dalla volontà di Anna Marras di regalare un momento di serenità alle famiglie e ai bambini costretti, in particolare nei periodi festivi, a trascorrere le loro giornate nei reparti ospedalieri. Una realtà che, come mamma, ha vissuto in prima persona e che ha conosciuto per lunghi mesi. Una realtà che non ha dimenticato, così come non ha dimenticato le ore di angoscia che come genitore ha vissuto, e la battagli per la vita che ha combattuto, e fortunatamente vinto, suo figlio.

Il desiderio di alleviare la sofferenza, donando un po’ di serenità a quelle famiglie e a quei bambini che sono impegnati nella battaglia più importante, quella per la sopravvivenza, è noto proprio in quel momento e, come un piccolo seme che germoglia al momento opportuno, molti anni dopo si è trasformato nella prima iniziativa dedicata ai bambini ricoverati all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Era il mese di gennaio del 2016 quando un gruppo di operai di EdiliziAcrobatica ha indossato per la prima volta i costumi da Supereroi e, calandosi dal tetto del nosocomio, ha riempito di stupore gli occhi dei bambini che assistevano increduli dalle loro stanze all’arrivo di Spiderman, Ironman, Hulk, Superman, Batman e Capitan America. L’emozione di quel giorno, intensa e indimenticabile per gli operatori e per tutta l’azienda, è stata fortissima e ha fatto sì che, in breve tempo, si potessero organizzare altre calate di Supereroi in ogni altro ospedale italiano che ne facesse richiesta.

Tutto, sempre, a titolo gratuito e assolutamente volontario, per il semplice e sincero piacere che si prova nel vedere lo sguardo di un bambino illuminarsi di gioia e leggere sulle labbra dei suoi genitori quel grazie silenzioso per l’attimo di spensieratezza condiviso.

Alza gli occhi al cielo… appesi alla doppia fune di sicurezza Superman, Spiderman, Hulk, Batman, Flash e gli altri Supereroi Acrobatici sono chiamati per una missione importantissima: si calano dai tetti per regalare una giornata di gioia e aiutare i bimbi dei reparti pediatrici, i veri eroi, che ogni giorno combattono per sconfiggere il loro Super Cattivo.

In questi anni i Supereroi hanno fatto decine di calate, dal Nord al Sud del Paese, facendo tappa, tra l’altro, al Gaslini di Genova, al Meyer di Firenze, all’Ospedale dei Bambini di Palermo, al Sant’Orsola di Bologna, al Salesi di Ancona e al San Paolo di Milano. Un impegno portato avanti dallo staff dell’azienda nei momenti liberi, nelle pause di lavoro, nelle giornate di festa: un impegno in cui si è riversato l’entusiasmo di tutti e che, piano piano, è diventato sempre più costante.

Qual’è la mission dei Supereroi Acrobatici?

“Quello che desideriamo trasmettere con forza è un messaggio di incoraggiamento e di speranza ai bambini e alle loro famiglie. Vogliamo che sentano nascere dentro di loro quella forza che hanno i loro supereroi preferiti, che si sentano invincibili proprio nel momento più difficile della loro vita. Per ogni bambino che incontriamo, che salutiamo dalla finestra o che abbracciamo in reparto, il messaggio che condividiamo è uno solo: “tu sei un supereroe! Non mollare!”.

Non sappiamo chi di questi bambini ce la farà, a volte non lo sanno neanche i medici che li hanno in cura, ma sappiamo che il sorriso che vediamo aprirsi sui loro volti è un piccolo passo verso una serenità e una normalità che hanno momentaneamente perduto. In questi anni abbiamo incontrato centinaia di bambini e di genitori, con alcuni siamo anche rimasti in contatto e abbiamo conosciuto l’esito della patologia che li aveva portati in ospedale.

Tantissimi, per fortuna, ce l’hanno fatta e oggi i loro genitori ci mandano le loro foto con i capelli ricresciuti e le guanciotte rosa. Altri non sono riusciti a vincere sulla loro malattia e il loro ricordo, il ricordo del giorno in cui hanno sorriso con noi, ci hanno dato il 5, sicuri di farcela, è quello che, almeno in parte, ci conforta. Perché per noi ogni bambino che lotta contro la malattia è un supereroe, a prescindere dall’esito che avrà la sua battaglia. Il nostro compito è solo ricordarglielo per un momento, alleggerendo il peso che porta sulle spalle”

Anna Marras, presidente di SEA Supereroi Acrobatici

supereroi acrobatici

Come sostenere i SEA Supereroi Acrobatici

“Ovunque c’è un bambino che lotta, c’è un supereroe che combatte per la vita”.

Se vuoi sostenere SEA Supereroi Acrobatici con una donazione il denaro raccolto verrà usato per acquistare regali e sorprese e favorire iniziative benefiche rivolte ai bambini ricoverati.
IBAN IT41R0503401426000000030000

https://supereroiacrobatici.com
facebook Supereroi Acrobatici

Le prossime tappe del tour dei Supereroi Acrobatici:
20 febbraio Ospedale Cesare Arrigo (Alessandria)
20 febbraio Ospedale Regina Margherita (Torino)
21 febbraio Ospedale Salesi (Ancona)
27 febbraio Ospedale Sant’Orsola (Bologna)


Leggi anche Bambino ricoverato: cosa si aspetta la mamma