Baby Boss 2 – Affari di famiglia | dal 7 ottobre al cinema

Baby Boss 2 – Affari di Famiglia
Se vuoi condividi questo articolo

Ereditando il successo del primo film, commedia campione d’incassi di DreamWorks Animation nominata agli Oscar® che ha guadagnato più di 500 milioni di dollari nel Mondo, Boss Baby 2 – Affari di Famiglia è diretto nuovamente da Tom McGrath e prodotto da Jeff Hermann (Kung Fu Panda 3).

Partecipa entro il 21 ottobre a #COMEUNBOSS CONTEST per il lancio del film: tra i premi un week end a Gardaland e l’abbonamento annuale a Sitlyservizio specializzato nella messa in contatto di famiglie e baby sitter attraverso una piattaforma internazionale che conta 2,3 milioni di famiglie e baby sitter registrate in 13 paesi del mondo.

Baby Boss 2 – Affari di famiglia – trama

Nel sequel Baby Boss 2 i fratelli Templeton – Tim e il suo fratello minore Baby Boss Ted – sono diventati adulti e si sono allontanati. Tim è un papà e marito pantofolaio a tempo pieno. Ted è un CEO di fondi speculativi. Ma un nuovo baby boss dall’approccio innovativo e dall’atteggiamento positivo li riunirà e sarà d’ispirazione per un nuovo affare di famiglia. Tim e sua moglie, Carol, la vera capofamiglia, vivono nella periferia con la loro super-intelligente figlia Tabitha e l’adorabile nuova bambina Tina. Tabhita, che è la migliore della sua classe al Centro Acorn per Bambini Dotati, idolatra suo zio Ted and vorrebbe diventare come lui, ma Tim, ancora in contatto con la sua iperattiva immaginazione giovanile, è preoccupato che lei si stia impegnando troppo a discapito di un’infanzia normale. Quando la piccola Tina rivela di essere un agente segreto tra i migliori della BabyCorp in missione per scoprire gli oscuri segreti della scuola di Tabhita e del suo misterioso fondatore Dr. Erwin Armstrong, i fratelli Templeton si trovano riuniti nei modi più inaspettati e sono portati a rivalutare il significato di famiglia e a scoprire cosa conta veramente.

Baby Boss 2 – Affari di famiglia – trailer ita


vedi altri film e cinema per bambini e ragazzi


Se vuoi condividi questo articolo