I remigini e la festa di fine asilo

Eccoli lì, i remigini (per chi non è di Milano, i remigini sono i bambini che iniziano la scuola dopo l’estate, si chiamano così perché un tempo la scuola iniziava il primo ottobre, San Remigio). Si impegnano nello spettacolo della festa di fine asilo e ritirano composti il loro diplomi. Sono piccoli, ma molto meno di tre anni fa, quando questa avventura è iniziata. Loro guardano avanti e gli si spalanca davanti un futuro ricco di strade e possibilità e sogni e speranze.

Noi mamme ce ne stiamo lì, sedute sulle piccole seggioline, emozionate e felici. Ci spostiamo ora a sinistra ora a destra, per vedere il nostro bambino tra una persona e l’altra, per non perderci niente di questa festa. Siamo pronte sicuramente meno di loro a voltare questa pagina.

Ora davvero sta per finire, la materna con i suoi anni bellissimi. Di lavoretti, inserimenti, passeggini e monopattini parcheggiati, scoperte semplici e grandiose. Piccoli passi da vivere come grandi percorsi, favole e storie e racconti, disegni, cadute, cerotti, pianti, amici, feste, pomeriggi a casa dei compagni e baci.

La magia di questi anni non torna più, ci è donata per poco. E ora dobbiamo anche noi guardare avanti, portandoci dentro questa età meravigliosa, che anche noi abbiamo avuto tanto tempo fa e che abbiamo potuto rivivere attraverso i nostri figli.

La festa di fine asilo segna la fine della prima infanzia dei nostri bambini. E li dobbiamo lasciare andare un po’ più lontano da noi.

Quando non sapevo se il mio piccolo ce l’avrebbe fatta, e come ce l’avrebbe fatta, pregavo che potesse vivere momenti come quelli di oggi, essere un remigino, fiero di sé e del percorso compiuto, dei suoi amici e delle sue maestre. Certo, non osavo sperare che potesse incontrare e vivere anni addirittura così. Così carichi di esperienze, di ricchezza, di intensità. Talmente perfetti e unici da volare semplicemente in un lampo.

Non ci resta che guardarli prendere il largo e volare sempre più in alto.

In bocca al lupo, remigini, e in bocca al lupo a tutte le mamme che si ritrovano a vivere, nel caos e nelle corse di questi mesi, un momento di passaggio dei loro figli; fermatevi un attimo, e trattenete un po’ di magia, tenete stretti i ricordi più preziosi, le emozioni più forti di questi giorni. E nella commozione pensate che se sono arrivati fino a qui, felici ed emozionati, è anche un po’ merito vostro.

Per altri post sul periodo dell’asilo vai a il Blog di Giuliana.