ESSERE MAMME FELICI? UN PIZZICO DI EGOISMO…

Oggi mi sono ritrovata a pensare a questo vecchio post: l’avevo scritto un paio di mesi dopo aver aperto il blog, nel 2010. Di bambini ne avevo uno solo di appena 3 anni.
Ma rispecchia ancora oggi quello che penso. In quel periodo era uscito sul Corriere un lungo articolo di Alessandra Farkas che riportava le voci di un dibattito aperto dal New York Magazine con il pezzo dal titolo “Amo i miei figli ma odio la mia vita”.

Secondo molti autorevoli pareri, fare figli, nel mondo di oggi, rende infelici. Pare addirittura che un’alta percentuale di donne texane abbia messo la maternità al sedicesimo posto dopo una serie di piaceri della vita, tra cui fare le pulizie… (non ci posso credere! Ma cosa succede in Texas? Le pulizie?!?!).

Il periodo più a rischio di esaurimento per le mamme è quello che va dalla nascita ai due anni del bambino (io l’ho scampata senza particolari contraccolpi, per fortuna).

Sembra anche ci sia una relazione diretta tra il livello di istruzione della mamma e la sua possibilità di essere una mamma infelice (accidenti, io, con il dottorato, sono fregata).

Dalle parti della vecchia Europa, l’unica isola felice sembrano essere i paesi scandinavi con il loro welfare super avanzato.

Visto che temo di non avere la prospettiva di trasferirmi a breve in Svezia o Norvegia (e non penso che il welfare italiano, con questi chiari di luna, potrà molto migliorare), ho elaborato una mia personalissima ricetta per la felicità della mamma nel terzo millennio.

È vero che tra teorie psico-pedagogiche, mode socio-educative e continue novità nel mondo della puericultura, rischiamo di sentirci inadeguate.

Dobbiamo essere perfette. E avere figli perfetti.
Bene, mettiamoci il cuore in pace.

Pessime cuoche, disordinate, disorganizzate, pigre, stacanoviste, ansiose, nervose…quali siano i nostri difetti, non è certo questo il momento di cambiare.
Anzi, diciamocelo, con il nuovo arrivato, la situazione non potrà che peggiorare.

Quindi, con un po’ di buon senso, la mamma di oggi dovrebbe scegliere sulla base di quello che fa felice (ma felice davvero) prima di tutto se stessa.

Lasciare da parte tutto quello che le pesa, anche se fa molto “mamma perfetta”.
Non dare mai retta alle varie nonne, zie, sorelle, amiche, colleghe.

Immolarsi ai figli, sforzarsi di cambiare per loro, li renderebbe davvero felici?

Adesso lo dico, e scandalizzatevi pure.

Un pizzico di sano egoismo e tanto amor proprio: ecco i due ingredienti fondamentali per essere una mamma felice.

È davvero possibile “amare i propri figli ma odiare la propria vita?”.
Secondo me, no.

Anche perché la ricetta per la felicità dei bambini, è la più semplice:
avere una mamma felice.

 

One thought on “ESSERE MAMME FELICI? UN PIZZICO DI EGOISMO…

  1. pienamente concorde con te!! a volte un po di sano egoismo fortifica aiuta il morale, aiuta la coppia e far star benissimo la mamma!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.