PACIFICARE LE RELAZIONI FAMILIARI

Relazioni familiari

In uscita il 22 novembre il libro a cura di FULVIO SCAPARRO E CHIARA VENDRAMINI

PACIFICARE LE RELAZIONI FAMILIARI
Tecniche ed esperienze di mediazione familiare

Prefazione di Gloria Servetti, Magistrato, Presidente della Corte d’Appello di Trento

La separazione tra i genitori non è mai priva di sofferenze, ma le ferite possono rimarginarsi se padre e madre restano genitori insieme malgrado il fallimento del progetto di vita in comune. In particolare, è fondamentale tutelare i figli dalle aspre controversie che accompagnano e seguono una cattiva separazione.

Per pacificare le relazioni familiari la mediazione è una risorsa preziosa, ma necessita di una formazione rigorosa e approfondita e di un costante aggiornamento.

Pacificare le relazioni familiari fornisce in tal senso un contributo illuminante, delineando nascita e sviluppi della disciplina all’estero e in Italia, lo svolgimento concreto dell’azione del mediatore, anche nei confronti delle nuove forme di famiglie, la possibile integrazione delle sue competenze con quelle dei legali delle parti. Come spiega nella prefazione il magistrato Gloria Servetti (presidente della Corte di appello di Trento), “la mediazione non è antagonista al processo e neppure è una scansione del percorso giudiziario ma è, piuttosto, un momento di possibile crescita e di pacificazione del conflitto. I veri protagonisti sono le parti, ovvero i coniugi, i genitori”.

I vari contributi raccolti nel volume presentano informazioni ed esempi pratici per comprendere che cosa si intenda oggi per mediazione familiare, quali siano i presupposti e gli ostacoli per un approccio corretto, quali gli obiettivi del percorso di pacificazione e i suoi possibili esiti. Ad esempio sempre Gloria Servetti chiarisce la differenza tra la mediazione e la conciliazione, ritenuta “un apprezzabile strumento di definizione della lite, ma mai espressione realmente risolutiva del conflitto”.

Basato sull’esperienza dell’Associazione GeA Genitori Ancóra, attiva in Italia dal 1987, il libro si rivolge non solo a chi si occupa professionalmente di mediazione familiare (mediatori, avvocati, magistrati, operatori psico-sociali), ma anche a chi a vario titolo è impegnato a fianco e a tutela dell’infanzia e dell’adolescenza: genitori, educatori, pediatri, forze dell’ordine, amministratori pubblici e giornalisti.

“Passo passo, capitolo per capitolo, paragrafo per paragrafo il testo ci condurrà saldamente per mano nell’apprendimento della verità sulla mediazione”: così termina la prefazione.

Fulvio Scaparro, già docente di psicopedagogia e psicologia all’Università degli studi di Milano e nelle Scuole di Specializzazione in Psicologia Clinica e dei Cicli di Vita, Psicologia dell’età evolutiva, Neuropsichiatria Infantile e Criminologia Clinica.  Giudice onorario fino al 1992 del Tribunale per i Minorenni e componente privato della Corte d’Appello del Tribunale di Milano, Sezione Minori e Famiglia, fondatore dell’Associazione Italiana di Psicologia Giuridica. È membro dell’Ordine degli Psicologi (albo degli psicoterapeuti), della Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile, dell’Ordine dei giornalisti (come pubblicista). Ha fondato nel 1987 l’Associazione GeA – Genitori Ancòra, di cui è attualmente Direttore Scientifico e componente del direttivo e ha inoltre fondato nel 2016 MEDEFitalia Mediatori della Famiglia – Italia di cui è attualmente Direttore Scientifico e componente del direttivo.

Chiara Vendramini, psicologa, mediatrice familiare dal 2000. Mediatrice familiare del Centro di mediazione familiare dell’Associazione GeA. Coordinatrice dal 2005 al 2012 del Servizio pubblico di mediazione familiare del Distretto 5, ambito territoriale Asl MI2. Mediatrice Familiare dal 2010 al 2013 presso il Servizio di mediazione familiare della Asl Monza e Brianza. Mediatrice presso il Centro di consulenza psicologica e pedagogica della Cooperativa Milagro di Melzo (MI). Presidente dell’Associazione GeA, fondatore e Vice Presidente di MEDEFitalia Mediatori della Famiglia – Italia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.