Vai al contenuto
Uova di pasqua da colorare

Uova di pasqua da colorare, come farle

Per fare le uova di pasqua da colorare ci sono diverse tecniche, sia in modo naturale che artificiale. Le uova andranno preventivamente rese ben sode e lasciate raffreddare. Se vuoi che siano commestibili utilizza i coloranti alimentari seguendo le istruzioni sulla confezione e aggiungendo un cucchiaio di aceto nell’acqua per fissare meglio il colore sul guscio. Oppure puoi fare tu coloranti naturali con frutta, verdura, spezie e foglie come indicato sotto.

Se non hai necessità che le uova di pasqua da colorare siano commestibili puoi usare dei coloranti in polvere o in gel che si sciolgono nell’acqua e danno un colore intenso e uniforme o decorarle con pennarelli, stencil, adesivi, glitter incollati, nastri, fiori o altri materiali creativi.

Uova di pasqua da colorare: i metodi, materiali necessari, vantaggi e svantaggi

Colorare le uova di Pasqua con i coloranti naturali

I materiali necessari sono alimenti o spezie che danno un colore intenso, dell’acqua, dell’aceto o del sale, delle pentole di acciaio e delle uova sode. I vantaggi sono l’ecologia e la salubrità del metodo, la possibilità di consumare le uova dopo averle colorate e di sperimentare con diversi ingredienti. Gli svantaggi sono il tempo e la pazienza richiesti dal metodo, la difficoltà di ottenere dei colori uniformi e intensi e il rischio di alterare il sapore delle uova.

Segui questi passaggi: scegli gli ingredienti naturali che vuoi usare per ottenere i colori che preferisci, come indicato. Taglia gli ingredienti in piccoli pezzi o frullali e mettili in una pentola con dell’acqua. Aggiungi anche un cucchiaino di aceto bianco per fissare il colore. Fai bollire per circa 15 minuti poi filtra l’acqua colorata e mettila in una ciotola sufficientemente capiente per mettere immergere le uova sode e lasciale per il tempo necessario a fino al raggiungimento della tonalità desiderata. Più a lungo le lasci, più intenso sarà il colore.

Verde: prezzemolo, spinaci, menta, alghe. Gli elementi vanno tritati e cotti poi allungati con acqua per essere utilizzati.

Giallo: curcuma o zafferano sono pronti per l’uso basta scioglierli in un po d’acqua, ananas e peperoni vanno tritati e cotti.

Arancione: curry oppure carote e arance preventivamente cotti, paprika sciolta in un po’ d’acqua

Rosso e rosa: karkadè sciolto in acqua calda, barbabietola rossa, cavolo rosso, pomodori, ciliegie, mirtilli rossi frullati con un po’ d’acqua oppure le bucce di cipolla rossa bollite in acqua per 15-30 minuti, filtrate e immergete le uova sode nel liquido ottenuto

Viola: succo d’uva rossa, succo di melanzana, barbabietola, more

Blu: mirtilli mirtilli o cavolo rosso frullati con un po’ d’acqua e immergere le uova sode nel liquido

Marrone: cacao, caffè, cannella, orzo solubile, cioccolato fuso

Nero: carbone vegetale, pepe nero

Colorare le uova di Pasqua con il riso

I materiali necessari sono del riso crudo, dei coloranti alimentari in gel, dei sacchetti di plastica con chiusura e delle uova sode. I vantaggi sono la facilità e la velocità del metodo, la possibilità di ottenere dei colori brillanti e di creare dei motivi originali sulle uova. Gli svantaggi sono il fatto che il riso non è riutilizzabile dopo averlo colorato e che i coloranti alimentari in gel possono essere costosi o difficili da trovare.

Segui questi passaggi: procurati dei sacchetti di plastica per alimenti con chiusura, le uova già sode ed i coloranti alimentari in gel dei diversi colori che vuoi utilizzare. Metti un po’ di riso crudo in ogni sacchetto e aggiungi qualche goccia di colorante, chiudi il sacchetto e mescola bene il colore per renderlo uniforme. Apri il sacchetto e metti all’interno un uovo sodo, richiudi e scuoti bene fino a ottenere la colorazione desiderata. Puoi anche mescolare colori diversi nello stesso sacchetto per ottenere uova con effetti differenti e non uniformi.

Colorare le uova di Pasqua con le tempere

I materiali necessari sono: tempere di vari colori, acqua, ciotole e uova sode. I vantaggi sono la semplicità e la rapidità del metodo, la possibilità di ottenere dei colori vivaci e di coinvolgere i bambini. Gli svantaggi sono il fatto che le uova non sono commestibili dopo averle colorate e che le tempere possono macchiare i vestiti o le superfici.

Segui questi passaggi: cuoci le uova fino a renderle ben sode e lasciale raffreddare. Fai bollire mezzo litro d’acqua e miscelala con un cucchiaio di tempera del colore scelto. Quando è ben mescolata lasciala raffreddare. Immergi le uova sode nell’acqua colorata e lasciale riposare per almeno tre ore, dopodiché toglile dal bagno e asciugale. Ora puoi utilizzarle così o scegliere se decorarle ulteriormente con pennarelli e stencil.

Segui i nostri suggerimenti se vuoi organizzare la caccia alle uova di Pasqua.


vuoi una ricetta per il riciclo delle uova di Pasqua? ecco la torta al cioccolato